Agevolazioni prima casa 2021: un aiuto concreto per i giovani

giovane-coppia-esulta-a-casa

Tra gli interventi promossi nel 2021 dal Governo a sostegno economico dei cittadini in questa fase di difficoltà conseguente alla diffusione del Covid-19 c’è il Decreto sostegni bis. Si tratta di un pacchetto di provvedimenti facenti parte del PNRR, ovvero Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza. In questo articolo ci occuperemo di quelle agevolazioni destinate ai giovani, o meglio agli under 36, che intendano acquistare la prima casa entro il 30 Giugno 2022.

Queste misure forniscono un valido aiuto sotto due aspetti principali: agevolano l’accesso al mutuo e abbattono le spese fiscali.
Ma vediamo più specificatamente come si articola.

Più facile l’accesso al mutuo
Una delle principali difficoltà che i giovani affrontano è quella di poter fornire delle garanzie adeguate quando si ritrovano a chiedere un mutuo in banca. Per coloro che possono contare sull’aiuto dei propri genitori, si tratta di una difficoltà aggirabile. Ma per i tanti ai quali manca questa leva, riesce veramente difficile conquistare la propria completa autonomia.

E’ lo stato quindi che si fa carico di questo onere fornendo le dovute garanzie. Come infatti previsto nel D.L. 25 maggio 2021 n.73, questa garanzia pubblica copre fino all’80% della quota capitale del mutuo. Specificatamente questa garanzia viene fornita alle seguenti categorie:

  • coppia coniugata da almeno due anni, in cui almeno uno dei due sia under 36, ovvero non abbia superato i 35 anni di età;
  • Famiglia con un solo genitore con figli minori conviventi;
  • giovani under 36
  • Conduttori di alloggi di proprietà di istituti autonomi per le case popolari.

Agevolazioni fiscali
Veniamo al bonus prima casa 2021 grazie al quale vengono ridotti i costi di natura fiscale nel caso un giovane under 36 acquisti la prima casa. Ecco quali sono queste agevolazioni:

  • nel caso si acquisti la casa da un’impresa di costruzioni l’IVA viene ridotta dal 10% al 4%, mentre l’imposta ipotecaria e catastale viene fissata a 200 euro;
  • nel caso si acquisti da un privato, l’imposta di registro viene ridotta al 2%, mentre l’imposta ipotecaria e catastale ammonterà a 50 euro;
  • è previsto inoltre un credito d’imposta, ovvero chi vende casa e ne riacquista un’altra entro 12 mesi può sottrarre l’imposta da pagare con quella già pagata per l’acquisto precedente.

Requisiti necessari per accedere ai benefici

Abbiamo precedentemente elencato le categorie di cittadini che possono accedere a queste agevolazioni. Sono altresì richiesti altri requisiti che andiamo ad elencare:

  • l’immobile acquistato dev’essere di tipo residenziale non appartenente alle categorie A1, A8 e A9, rispettivamente abitazioni signorili, ville e castelli o palazzi;
  • l’ISEE non dev’essere superiore a 40.000 euro;
  • l’acquirente non deve essere in possesso di altri immobili in Italia per i quali si fruito dei benefici o venderli entro un anno dall’acquisto della nuova casa;
  • non dev’essere proprietario di abitazioni nello stesso comune nel quale si fa richiesta delle agevolazioni;
  • deve essere residente nel comune nel quale viene acquistata la casa o dichiarare di volercisi trasferire entro 18 mesi dall’acquisto, o ancora può dimostrare che lo stesso comune sia la sua sede abituale per attività lavorative, di studio o altre attività congrue anche se non remunerative (es. attività sportive);
  • non deve essere titolare di diritto di uso, usufrutto o abitazione su un altro immobile del comune nel quale si faccia l’acquisto.

Hai domande o desideri maggiori informazioni ? Chiamaci al numero 0583 997201 oppure compila il seguente form.

Hai ancora delle domande? Contattaci!

Consenso
Questo campo serve per la convalida e dovrebbe essere lasciato inalterato.

Affidaci il tuo immobile, scrivici a info@marcocatelli.it

paperplane